• Home  /
  • Fuori casa   /
  • Livorno città dei bambini. Come iscrivere il proprio figlio all’asilo.
Asilo

Livorno città dei bambini. Come iscrivere il proprio figlio all’asilo.

Proprio ieri nella classifica delle città più vivibili d’Italia, la nostra bella Livorno si è piazzata all’undicesimo posto. Non male direi e in effetti, per molti aspetti ci meritiamo  questa posizione: buon clima, città a misura d’uomo, tranquilla, becera ma simpatica, genuina e appassionata.

Tutto bellissimo, se non fosse che a livello di servizi siamo ancora ben lontani dallo scalare la classifica. E mi riferisco, in questo caso, all’offerta di servizi educativi prescolastici, quelli che vanno da 0 a 6 anni. Precisazione: ho scritto questo articolo per fare chiarezza ed essere utile, non per fare polemica.

Per chi come me, frequenta asili nido e scuole d’infanzia, non può fare a meno di vivere quell’ansia da prestazione che coglie i genitori quando si aprono le iscrizioni per i servizi 0-6 messi a disposizione di noi cittadini labronici.

Andiamo per gradi: per chi non lo sapesse a Livorno l’approccio educativo è molto all’avanguardia e lo testimoniano la cura e l’attenzione con cui sono organizzati e anche costruiti ( per le strutture più recenti) i nostri asili. Questo ci fa onore.

Il sistema scolastico per i nidi e le materne è un sistema misto e vi spiego perché. Per i servizi 0-3, quindi gli asili nido e i centri giochi educativi, la gestione è mista e si avvale di strutture comunali e strutture private cosiddette convenzionate. Queste strutture,  nate appunto da iniziativa privata, a seguito di una procedura di convenzionamento e accreditamento che prevede la presenza di parametri e requisiti ben precisi, entrano a far parte delle liste comunali e le famiglie possono accedervi mediante bando comunale e con i parametri ISEE del reddito, senza dover pagare la tariffa mensile per intero. Questa tendenza, in arresto negli ultimi anni ma fortemente voluta in passato, ha dato vita a partire dal 2007 al cosiddetto sistema educativo integrato. In pratica il Comune di Livorno a partire dal 2007 ( il periodo di massima espansione è stato 2007 – 2010) ha potenziato le concessioni per ampliare l’offerta educativa 0/3 mantenendo una gestione semidiretta e aumentando di fatto i numeri di posti disponibili. Negli ultimi tempi la tendenza si è arrestata perché le domande sono diminuite, moto spesso per ragioni legate alla crisi economica.

Le scuole d’infanzia, invece, (le materne da 3 a 6 anni per intenderci) hanno una gestione mista perché Livorno (ancora una delle poche città in Italia) presenta strutture a gestione comunale e strutture a gestione statale. Questa distinzione non è solo formale ma sostanziale sia nelle modalità di fruizione del servizio (diverso ad esempio negli orari) sia nella gestione di tutta la parte amministrativa e burocratica.

Non sta a me dire quale dei due approcci sia migliore, l’unica cose che mi sento di segnalare è il fatto che ad oggi, comunque, i posti restano insufficienti. Lo erano per il nido e lo sono per la materna.

E qui torno all’ansia da prestazione, o meglio all’ansia di iscrizione. Per questo ho deciso di riepilogare i passaggi per fare un po’ di chiarezza e dare a chi come me è alla ricerca di notizie, il maggior numero di informazioni possibili.

Stiamo parlando di scuole materne, quindi bambini che hanno compiuto o compiranno a breve tre anni( nati dal 1 Gennaio al 31 Dicembre 2012)

A partire dal 3 dicembre, come riportato sul disciplinare presente sul sito del comune, si aprirà il primo bando per le iscrizioni agli asili comunali che in tutto sono 10. Questa bando è riservato ai bambini che hanno frequentato il nido (comunale o privato convenzionato) negli anni precedenti. Il comune precisa che a fronte di 545 bambini frequentanti il nido ci sono 265 posti disponibili che scendono a 131 se si considerano le conferme e i trasferimenti (dati aggiornati al 1/12/2014). Ed è per questo che il bando comunale parte prima di quello statale che si terrà ad anno nuovo e una volta che le graduatorie saranno uscite.

Sarà possibile iscriversi dal 3 al 12 Dicembre sia presentando il modulo allo sportello sia tramite i servizi al cittadino mediante le proprie credenziali di accesso. Le graduatorie saranno poi rese pubbliche l’8 Gennaio 2015 in modo che i genitori dei non ammessi potranno avvalersi del bando dedicato alle scuole d’infanzia statali per le quali non so ancora molto se non che seguono i distretti didattici come per le scuole.

Ultima spiaggia (o prima per chi non intenda avvalersi dei servizi offerti in ambito pubblico)  restano le scuole paritarie che in effetti sono tutte ( tranne forse un paio) di stampo cattolico.

E finalmente arrivo alle conclusioni: nonostante l’impegno (apprezzabilissimo da parte degli uffici competenti), nonostante il sistema integrato, nonostante l’apporto statale, è possibile lottare per un posto all’asilo per i propri figli? Io credo di no. E visto che il sistema fallisce, è possibile essere costretti a mandare il propri figlio in una scuola cattolica? Io credo di no.

Qui non stiamo parlando di statalismo o politica di assistenzialismo che da molto, troppo tempo si respira in città: stiamo parlando di servizi che di diritto spettano ad ogni cittadino e stiamo parlando, soprattutto di far crescere bene il futuro della città, che non sono altro che i bambini, infondo.